Coronavirus in ascensore

Simulazione del “colpo di tosse”

 

Gli ascensori sono snodi di alto traffico all’interno di un’edificio, dove il passaggio delle persone è continuo e dove vengono introdotti inevitabilmente agenti patogeni. Sono tipicamente ambienti ristretti in cui le persone sono costrette a stare a distanza ravvicinata, respirando aria condivisa.

La UvA Institute of Physics in collaborazione con l’UMC di Amsterdam ha effettuato una ricerca denominata “simulazione del colpo di tosse” all’interno di un ascensore presso l’ Amsterdam Science Park per dimostrare come in questo ambiente la trasmissione del virus, dopo un colpo di tosse, sia velocemente trasmissibile e come può essere debellato in modo continuativo e definitivo grazie ai sistemi di disinfezione al plasma freddo con tecnologia Nanostrike di Novaerus.

I ricercatori hanno riprodotto un “colpo di tosse” con uno speciale erogatore spray in grado di ricreare l’esatta quantità di particelle infette emesse da un eventuale singolo colpo. Durante la prova, l’ascensore è rimasto operativo in condizioni standard, con le porte aperte solo per il 10-20% del tempo totale di diverse corse impostate.
Si è riscontrato che, al suo interno, le particelle infettive possono persistere per circa 10/20 minuti (con corse regolari da un piano all’altro), mentre con le porte permanentemente chiuse, il tempo può aumentare fino a 30 minuti.
I virus, che possono essere estremamente piccoli (<5 µm) e restare sospesi e vitali nel flusso d’aria per lunghi periodi di tempo, implicano un rischio elevato di infezione per via aerea. Le particelle infettive più pesanti invece, cadono dall’aria e contaminano mani e superfici come: corrimano, pulsanti e porte che anche involontariamente, sono toccati o sfiorati (contaminazione).

 

 

Riflettiamo dunque su questo periodo di pandemia, immaginiamoci davvero all’interno di un ascensore, dove persone parlano o tossiscono. Riuscite ad immaginare le migliaia di particelle infettive che si potrebbero ricreare in questo ambiente? Riuscite ad immaginare queste particelle infettive che verranno respirate e quindi introdotte in altri organismi in meno di un minuto? E se fosse il vostro?

 

Grazie a questo test, abbiamo nuovamente confermato che i dispositivi per la disinfezione dell’aria Novaerus si sono dimostrati efficaci nella pulizia in sicurezza dell’aria di ambienti chiusi.
Alimentati dalla nanotecnologia NanoStrike basata sul plasma freddo, i dispositivi Novaerus, debellano tutti i microrganismi (a contatto) presenti nell’aria, fornendo la prima linea di protezione contro virus e batteri.

 

 

1. L’aria contaminata viene aspirata da una ventola all’interno dell’unità;
2. Una bobina al plasma freddo NanoStrike provoca un attacco “mortale”, costituito da più processi di inattivazione simultanei che, lavorano rapidamente per distruggere i patogeni presenti nell’aria;
3. Come risultato si ottiene aria sana e priva di contaminazione.

 

Puoi scaricare il documento originale del test cliccando qui, oppure puoi scaricare la nostra traduzione in italiano.

 

Stay safe scegli i sistemi di disinfezione dell’aria NOVAERUS!

 

Il team AHSI SpA

3460