Covid e vaccini: come proteggersi?

COVID-19 e Vaccino: come proteggersi PRIMA dell’immunità di gregge?

È ormai evidente a tutti noi come Covid-19 si sia gradualmente impadronito delle nostre vite. Da quasi 365 giorni siamo stati costretti a convivere con questa pandemia e ad adattare le nostre abitudini e stili di vita per fronteggiarla.

Ora che cominciamo a intravedere una luce in fondo al tunnel grazie alla campagna di vaccinazione messa appunto da Pzfizer-BioNTech, Moderna e altre decine in arrivo, è ancor più fondamentale cercare di proteggersi dal virus, soprattutto in questa fase di “nuova ondata” registrata a partire dalla fine del mese di settembre.

A tal proposito, uno studio INAIL, ha dimostrato come i dati sulle denunce di infortunio da Covid-19 dal primo accadimento riscontrato a partire dal mese di gennaio fino al 30 novembre 2020, abbiamo un’incidenza maggiore nelle donne di età compresa tra i 50 e i 64 anni per un totale di 30.915 casi su 72.364.

Nel grafico sottostante si nota chiaramente come l’infezione abbia un impatto maggiore sulle donne rispetto agli uomini e di come la fascia di età medio/alta (50-64 anni) sia la più colpita, sia per gli uomini che per le donne.

A livello regionale, la regione più colpita è la Lombardia, con il 30,5% circa dei casi accertati. La classe di lavoratori più colpita è la sanità e l’assistenza sociale con il 68,7% delle denunce di infortunio da Covid-19 e, in particolare, per quanto riguarda le professioni, i tecnici della salute, gli operatori socio-sanitari e i medici, occupano i primi 3 posti con le percentuali più elevate.

La distribuzione delle denunce di infortunio da Covid-19 registrate dall’INAIL, evidenzia, per i mesi di Ottobre e Novembre, un tasso di incidenza dei casi pari a quello di Marzo/Aprile, prima ondata in cui si è verificato il picco dei casi. Dicembre ha purtroppo continuato la sua escalation, che ha confermato la seconda ondata pandemica e che sempre più ci sta insegnando che questo Virus si propaga velocemente e letalmente.

Per quanto riguarda invece le denunce di infortunio con esito mortale, gli uomini sembrano essere i più colpiti, con l’84.2% rispetto al 15.8% delle donne. Il settore più colpito da casi mortali è sempre quello sanitario, ove le percentuali occupate sulla scala delle professioni sono riferiti agli impiegati e addetti di segreteria e agli affari generali, tecnici della saluti e medici.

E ORA…è ARRIVATO IL MOMENTO DEI VACCINI!

“Una cosa però è certa: non dobbiamo MAI abbassare la guardia. È diversa la prospettiva, ma certamente abbiamo probabilmente 9 mesi per cercare di contenere il Virus ed arrivare alla tanta agognata: Immunità di Gregge!

Occorre anche precisare che, tutte le denunce per infortunio dovute a Covid-19, mortali o meno, rappresentano un costo enorme da sostenere a livello del Sistema Sanitario Nazionale (SSN). È quindi più che mai fondamentale contrastare l’infezione quanto più possibile, soprattutto all’interno degli ambienti sanitari ove i dati qui riportati dimostrano una concreta incidenza.

Ma come è possibile proteggersi ulteriormente dal Covid-19?

Adottare le misure e i dispositivi di sicurezza è certamente imperativo ma è possibile anche prevenire tramite la cura della qualità dell’aria che respiriamo. Ormai è comprovato che la diffusione maggiore del Covid-19 avviene in ambienti chiusi: case/scuole/alberghi/bus/palestre/banche/ambienti di lavoro in generale/Ospedali/RSA/discoteche/bar/ ecc…

Quindi perchè non iniziare a pensare a soluzioni sistematiche?

Nulla di differente dalle cinture di sicurezza utilizzate con obbligo di legge nelle automobili: così allo stesso modo dovrebbero diventare obbligatori i dispositivi di Disinfezione dell’aria.

 Naturalmente stiamo parliamo di tecnologie comprovate e non palliativi da social.

La scienza merita rispetto e la salute ancor di più!

La tecnologia al plasma freddo DBD NanoStrike sviluppata da Novaerus, come dimostrato dai vari clinical trials, è in grado di esercitare una riduzione costante delle infezioni da diversi patogeni.

I sistemi Novaerus con la loro tecnologia brevettata garantiscono in modo comprovato scientificamente di abbattere diverse tipologie di patogeni raggiungendo livelli di disinfezione fino a 4.5 log e ha reso pubblici tutti i suoi studi di efficacia microbiologica effettuati da Enti altamente qualificati, come ad esempio dai laboratori AMES della NASA (National Aeronautics and Space Administration) e da un notevole numero di Ospedali o Laboratori specializzati, ma soprattutto indipendenti.

Ad oggi Novaerus dispone, per questa tipologia di Disinfettori, della più ampia bibliografia mondiale che, attraverso trials clinici, ne dimostra l’efficacia comprovata con un abbattimento fino al 99,99% di Virus (tra cui anche il Covid-19), batteri, spore, funghi e allergeni.

NanoStrike infatti, è una tecnologia per la mitigazione del rischio e riduce costantemente la carica patogena presente nell’aria, trattandola 24/7, dando vita a un ambiente più pulito e, se utilizzato e inserito nelle nostre vite come una buona abitudine, svolge un’azione benefica limitando il rischio di diffusione di potenziali infezioni, anche mortali.

Noi di AHSI SPA , abbiamo installato in ognuno dei nostri uffici uno di questi dispositivi. Siamo fermamente convinti che questo tipo di tecnologia certificata Medical Device 93/42 classe 1, sia in grado di permetterci di lavorare in tutta sicurezza ed è per noi auspicabile che i disinfettori d’aria, come Novaerus, possano diventare uno standard imprescindibile per la vita quotidiana di tutti.

Attualmente disponiamo di circa 40 dispositivi dislocati a garantire la sicurezza di tutto il personale

   

Per il datore di lavoro, adottare questo tipo di dispositivi all’interno degli spazi lavorativi, si traduce in un ulteriore garanzia di rispetto del prodotto più importante oggi disponibile: il genere umano, le nostre persone, il nostro asset. Diminuire il rischio di malattie, mantenendo un ambiente sicuro si sono configurati come il miglior investimento che la nostra azienda potesse fare.

Allo stesso tempo, per nostro personale, sapere che la propria azienda si impegna giornalmente per preservare la salute dei propri dipendenti, è simbolo di un ulteriore indice di fidelizzazione e serenità per tutti.

Nella lotta per un futuro migliore, per le strutture ospedaliere, per le aziende, per tutti gli ambienti privati ma soprattutto per le persone:

Noi ci siamo!

Distinguersi per non estinguersi!

Team AHSI S.p.A.

3300